L’acqua: l’ingrediente della Piadina che fa la differenza

piadina-romagnola-acqua

Molto spesso trascuriamo di considerare uno degli ingredienti più importanti della piadina. Siamo abituati quando parliamo di piadina a pensare alla farina o ai grassi presenti nell’impasto, quindi: olio e strutto.

Forse per la caratteristica di essere “insapore” questo importantissimo ingrediente viene spesso rilegato ad un ruolo marginale, ma in realtà è fondamentale utilizzare, per realizzare un’ottima piadina, un’acqua dai parametri di qualità ideali.

Per tale motivo vi proponiamo delle indicazioni utili a scegliere l’acqua migliore.

Il ph:

questa grandezza indica l’acidità o basicità dell’acqua, per essere esemplificativi è acida l’acqua presente nei succhi, quali quello di limone, mentre è basica quella contenente ammoniaca o soda.

l’alcalinità:

indicata quanti carbonati e bicarbonati sono presenti, e di conseguenza si collega alla presenza di Magnesio e Calcio. Ne indica pertanto la durezza.

A questo punto si rende necessario parlare di residuo fisso:

indica la presenza di sali minerali

Due aspetti che non vanno assolutamente sottovalutati per la scelta dell’acqua sono i nitrati e i nitriti:

I nitrati sono composti presenti nella acque dovuti sia a fenomeni naturali sia come conseguenza delle attività dell’uomo, come per esempio i trattamenti di fertilizzazione dei terreni o l’infiltrazione di acque di scolo.

I nitriti sono connessi a questi ultimi poiché sono composti della degradazione dei nitrati ad opera di batteri. Esiste un limite di legge, ma è bene che questa percentuale sia presente solo minimamente nelle acque.

Scegliere correttamente l’acqua non solo determina il sapore finale della piadina, ma è necessario per il nostro benessere e la nostra salute.

Noi della Casina del Bosco di Rimini siamo sempre alla ricerca di materie prime di qualità, che non trascurino la salute dei nostri clienti ed amici.

Consulta il nostro menu  e scoprirai un mondo genuino e gustoso allo stesso tempo.

← Torna al Blog